Standard Aperti sul sito del Comune di Scandiano

Da Linux User Group Scandiano.
Nodoc.png
Con questo progetto abbiamo chiesto al Comune di Scandiano di adottare Standard Aperti per la distribuzione dei documenti elettronici pubblicati sul sito istituzionale. Gli Standard Aperti garantiscono agli utilizzatori libertà e corretta visualizzazione. Essi prevengono il vendor lock-in e promuovono il libero mercato nel campo del software.

Con la collaborazione della Free Software Foundation Europe, abbiamo redatto una lettera nella quale abbiamo chiesto che vengano rispettati gli impegni espressi nelle Linee programmatiche di mandato 2009-2014 in materia di Software Libero e Standard Aperti e che si cominci da subito a distribuire i nuovi documenti prodotti utilizzando Standard Aperti. Le nostre proposte sono state accolte senza riserve dall'amministrazione comunale] la quale si è impegnata, a partire da gennaio 2011, a distribuire i documenti elettronici pubblicati sul sito web istituzionale utilizzando il formato PDF.

Cosa abbiamo chiesto?

Abbiamo chiesto che l'amministrazione comunale di Scandiano mantenga le promesse fatte nelle Linee programmatiche di mandato 2009-2014 cominciando da subito a distribuire i nuovi documenti prodotti utilizzando Standard Aperti e che predisponga una conversione completa del archivio elettronico comunale.

Cosa abbiamo ottenuto?

Perché un'istituzione pubblica non dovrebbe distribuire file elettronici in formato DOC?

Un problema di neutralità. Le specifiche tecniche del formato DOC sono di proprietà dell'azienda informatica Microsoft e sono da questa tenute segrete. Ciò implica che solo Microsoft sa come scrivere e interpretare questo tipo di file in modo corretto. Pubblicare su un sito istituzionale documenti in formato DOC significa spingere i visitatori del sito ad acquistare prodotti Microsoft, favorendo così un'unica azienda nel mercato del software. Se si vogliono distribuire documenti attraverso il sito del Comune si dovrebbe farlo in modo neutrale rispetto al mercato del software utilizzando Standard Aperti. Solo così si ha la certezza che i documenti distribuiti potranno essere aperti da tutti i programmi che implementano questi standard, non importa quale sia il produttore.

Un problema di sicurezza per i visitatori. Pubblicare documenti in formato DOC è una cattiva scelta per la sicurezza informatica dei visitatori del sito nel quale sono distribuiti. Questo tipo di file infatti può contenere macro, come ad esempio nel documento pubblicato sul sito istituzionale del Comune di Scandiano “Anno: 2010 Nro.13 - TRASCRIZIONE DISCUSSIONE VERBALE CONSIGLIO COMUNALE DEL 26/01/2010”, e le macro possono contenere virus.

Un problema di sicurezza per l'istituzione. Pubblicare documenti in formato DOC è una cattiva scelta anche per l'Istituzione che lo ha prodotto poiché questi file includono normalmente informazioni nascoste sull'Autore e il testo cancellato dai documenti potrebbe essere ancora presente, come nel caso descritto nell'articolo “The hidden dangers of documents” di Mark Ward.

Un problema di Libertà. Gli enti pubblici non dovrebbero spingere i cittadini ad usare software non libero. Il Software Libero è software che chiunque può usare, studiare, condividere e migliorare. Queste quattro libertà garantiscono agli utenti il pieno controllo del software che stanno utilizzando. Un'istituzione che esiste anche per proteggere la nostra libertà non dovrebbe chiedere ai propri cittadini di usare software non libero.

Rassegna stampa

Risorse

Pagine correlate